Supportiamo le imprese nella ricerca e selezione del personale, nell’attivazione di tirocini formativi ed extracurriculari, nella stipula di contratti di apprendistato e nel reperimento di fonti finanziarie di varia natura.  

Apprendistato

L’apprendistato professionalizzante favorisce l’inserimento dei giovani nelle realtà aziendali ed è allo stesso tempo un importante strumento per i datori di lavoro. La forma contrattuale prevede l’impiego lavorativo di giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, per un periodo stabilito dalla contrattazione collettiva, al fine di raggiungere una qualifica professionale, affiancati da figure professionali più esperte. Ogni apprendista è infatti affidato a un tutor aziendale,  che deve essere in possesso di requisiti specifici e guidare il giovane nell’inserimento e nell’apprendimento del lavoro

ASSOEFA segue l’azienda durante tutto il processo di attivazione dell’apprendistato. Dall’elaborazione del Piano di Formazione Individuale, al Registro di Formazione, passando per la modulistica e la documentazione necessaria, la calendarizzazione della formazione esterna, la redazione delle pratiche di iscrizione, l’erogazione della Formazione e  infine la certificazione finale.

Il Testo Unico dell’Apprendistato (D.Lgs. 167/2011) diversifica i percorsi formativi nella durata massima e nelle modalità di espletamento della formazione in base alla tipologia di apprendistato. Il contratto si applica secondo le disposizioni regionali a partire dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro e ha una durata che varia tra i 6 mesi e i 3 anni, fatta eccezione per il diploma quadriennale regionale (4 anni) e per alcuni profili artigiani (5 anni). Il datore di lavoro deve garantire condizioni lavorative, tipologia di formazione e qualifica prevista per l’apprendista. Possono stipulare contratti di apprendistato tutti i datori di lavoro di imprese private appartenenti a qualsiasi tipo di attività.

Il numero degli apprendisti che un’impresa può assumere varia in base alla tipologia di impresa e al numero di lavoratori dipendenti presenti. Per le imprese non artigiane valgono i seguenti limiti:
• da 0 a 2 lavoratori qualificati, potranno essere assunti fino a 3 apprendisti;
• dai 3 lavoratori in su, potrà assumersi un numero di apprendisti pari a quello dei dipendenti qualificati e specializzati in forza all’impresa.

Dal 1° gennaio 2013, per i datori di lavoro che occupano almeno 10 lavoratori il rapporto tra apprendisti e maestranze specializzate e qualificate sarà di 3 a 2.

Inoltre, per i datori di lavoro che occupano almeno 10 dipendenti, l’assunzione di nuovi apprendisti risulta subordinata all’aver mantenuto in servizio nell’arco dei 36 mesi precedenti la nuova assunzione almeno il 50% degli apprendisti assunti (fino al 18 luglio 2015 la percentuale risulta ridotta al 30%).

La legge obbliga le aziende a consentire agli apprendisti la frequenza di appositi percorsi formativi, rientranti nell’orario di lavoro e, quindi, con obbligo di retribuzione.

Si ricorda che la mancata formazione obbligatoria comporta l’annullabilità del contratto di apprendistato, il recupero dei contributi e una sanzione amministrativa pari al 100% dei contributi evasi. La formazione può dunque essere erogata all’interno dell’azienda, ma è necessario dimostrare di possedere un’adeguata capacità formativa, caratteristica assente nella quasi totalità delle imprese.

Negli ultimi 2 anni oltre 50 studi di consulenza del lavoro e i loro professionisti hanno usufruito gratuitamente dei nostri servizi per adempiere agli obbligatori previsti per l’apprendistato professionalizzante affidandoci la formazione di centinaia di apprendisti.

Tirocini formativi ed extracurricolari

Attivare un tirocinio formativo o extra curriculare consente all’azienda di avviare un iniziale rapporto di lavoro, riducendo significativamente gli oneri previdenziali a proprio carico.

I datori di lavoro possono ospitare tirocinanti, in relazione all’attività dell’azienda e alla Regione di appartenenza.

Il Regolamento Tirocini Regione Campania n. 4 del 7 maggio 2018 sancisce che le aziende possono ospitare:

  • un tirocinante per le unità operative in assenza di dipendenti, o con non più di cinque dipendenti a tempo indeterminato o di dipendenti a tempo determinato;
  • non più di due tirocinanti contemporaneamente per le unità operative con un numero di dipendenti a tempo indeterminato o di dipendenti a tempo determinato compreso tra sei e dieci;
  • non più di tre tirocinanti contemporaneamente per le unità operative con un numero di dipendenti a tempo indeterminato o di dipendenti a tempo determinato compreso tra undici e quindici;
  • non più di quattro tirocinanti contemporaneamente per le unità operative con un numero di dipendenti a tempo indeterminato o di dipendenti a tempo determinato compreso tra sedici e venti;
  • tirocinanti attivi contemporaneamente in misura non superiore al 20 per cento del numero complessivo di dipendenti a tempo indeterminato e a tempo determinato presenti nella specifica unità operativa con più di 20 dipendenti.

I tirocini formativi sono attivati in base a un’apposita convenzione stipulata tra l’Ente promotore (in questo caso Asso.efa) e l’azienda ospitante, alla quale deve essere allegato uno specifico Progetto formativo e di orientamento.

Ricerca e selezione del personale

Buona parte del valore aggiunto aziendale è rappresentato dal personale coinvolto. Nell’ambito della ricerca e selezione del personale, ASSOEFA ha sviluppato competenze nell’individuazione dei talenti dei candidati, creando il processo ideale sulla base delle esigenze dell’azienda e rispettando i canoni di professionalità, competenza, innovazione e qualità.

Durante il primo incontro con il cliente, costruiamo insieme l’identità del candidato ideale, definendo la mansione richiesta, l’ambiente di lavoro e l’organizzazione aziendale. Successivamente, realizziamo un’analisi in funzione delle strategie e degli obiettivi condivisi con il committente, utile all’azienda per i  programmi futuri di formazione e sviluppo o per una valutazione delle prestazioni e del potenziale.

Infine, proponiamo una serie di azioni che coprono tutte le fasi, dalla ricerca all’inserimento del candidato:

  • Creazione e diffusione dell’annuncio;
  • Raccolta e screening dei CV;
  • Realizzazione di prove di selezione articolate in interviste e/o colloquio, somministrazione di test specifici, osservazione on the job, prove comportamentali individuali o di gruppo;
  • Definizione di schede valutative della qualità dei candidati;
  • Feedback al cliente e presentazione di uno o più candidati idonei.

Una volta individuata la figura idonea, il nostro ruolo sarà quello di garantire un supporto proattivo e costante nell’inserimento del candidato in azienda, grazie all’affiancamento e alla valutazione dei risultati durante e dopo la formazione.

Consulenze

Assoefa affianca le aziende anche nei momenti di espansione e innovazione, adoperandosi per il reperimento di fonti finanziarie di varia natura per lo sviluppo e la crescita imprenditoriale. Il nostro di compito è infatti intercettare le agevolazioni finanziarie previste dalle leggi regionali, nazionali e comunitarie e metterle a disposizione dell’azienda.

Le opportunità  e le risorse non mancano, ma è necessario conoscerle e Assoefa è il riferimento giusto per ottenere i contributi e gli incentivi più idonei per lo sviluppo professionale e imprenditoriale.

Una consulenza sulle agevolazioni fiscali è infatti imprescindibile sia nella ricerca del personale che nelle modalità contrattuali per l’inserimento aziendale.